Il pensiero intuitivo può influenzare la fede in Dio

pensiero-intuitivo.jpg

Il pensiero intuitivo può influenzare la fede in Dio è quanto affermano una serie di studi dell’Università di Harvard. I ricercatori hanno scoperto che le persone con uno stile di pensiero intuitivo. Tendono ad avere più fede in Dio rispetto a quelle con uno stile più riflessivo. Pensare intuitivo significa partire con il primo istinto e prendere decisioni rapidamente basate su processi cognitivi automatici.

Il pensiero riflessivo implica la messa in discussione del primo istinto. E la considerazione di altre possibilità, consentendo così decisioni controintuitive. Con questi studi si voleva spiegare le variazioni nella fede in Dio in termini di processi cognitivi più basilari, spiegano i ricercatori.

Alcuni sostengono che crediamo in Dio perché le nostre intuizioni su come e perché le cose accadono. Ci portano a vedere uno scopo divino dietro eventi ordinari che non hanno ovvie cause umane. Questo ci ha portato a chiederci se la forza delle convinzioni di una persona. Sia influenzata da quanto si fida delle sue intuizioni naturali rispetto al fermarsi a riflettere su quei primi istinti.

Pensiero intuitivo ed esistenza di Dio

Nella prima parte dello studio, 882 adulti statunitensi, con un’età media di 33 anni e il 64% di donne. Hanno completato sondaggi online sulla loro fede in Dio prima di sostenere un test di riflessione cognitiva. Il test aveva tre problemi di matematica con risposte errate che sembravano intuitive. I partecipanti che avevano più risposte errate hanno mostrato una maggiore dipendenza dall’intuizione rispetto alla riflessione nel loro stile di pensiero.

I partecipanti che hanno dato risposte intuitive a tutti e tre i problemi. Hanno avuto una probabilità e mezza di dichiarare di essere convinti dell’esistenza di Dio rispetto a quelli che hanno risposto correttamente a tutte le domande. Questo modello è stato trovato indipendentemente da altri fattori demografici. Come le convinzioni politiche, l’istruzione o il reddito dei partecipanti.

Credenti più fiduciosi in Dio

I partecipanti con uno stile di pensiero intuitivo avevano anche maggiori probabilità di diventare . nel corso della loro vita, indipendentemente dal fatto che avessero un’educazione religiosa. Le persone con uno stile riflessivo tendevano a diventare meno fiduciosi nella loro fede in Dio. Lo studio ha anche scoperto che questo legame pronunciato tra diversi stili di pensiero e livelli di fede. non poteva essere spiegato dalle differenze nella capacità di pensiero o nel QI dei partecipanti.

In un altro studio, con 373 partecipanti, i ricercatori hanno scoperto che potevano influenzare temporaneamente i livelli di fede. Istruendo i partecipanti a scrivere un paragrafo che descrivesse un’esperienza personale in cui il pensiero intuitivo o riflessivo portasse a un buon risultato.

A un gruppo è stato detto di descrivere un momento della propria vita in cui l’intuizione o il primo istinto ha portato a un buon risultato. Mentre a un secondo gruppo è stato chiesto di scrivere di un’esperienza in cui un buon risultato è risultato dalla riflessione e dal ragionamento attento su un problema. Dopo l’esercizio di scrittura, i partecipanti che hanno scritto di un’esperienza intuitiva di successo. Avevano maggiori probabilità di riferire di essere convinti dell’esistenza di Dio. Rispetto a quelli che hanno scritto di un’esperienza riflessiva di successo.

Questi studi suggeriscono un nesso causale tra il pensiero intuitivo e la fede in Dio, ma i ricercatori hanno riconosciuto che potrebbe essere vero anche il contrario, ovvero che una fede in Dio può portare al pensiero intuitivo. La ricerca futura aiuterà a esplorare come gli stili cognitivi sono influenzati da geni e fattori ambientali, come l’educazione e l’istruzione.